top of page
Playita Faro 031030 IsIg (1).JPG

Stazione 16:
Bombe della Seconda Guerra Mondiale

Posizione

A circa 33 metri dal Faro troverete un bivio alla vostra sinistra e un paio di metri  osserverà  un cratere che durante il  la stagione  piovoso è pieno d'acqua. Questa grande buca, larga circa 16 metri e profonda 3 metri, era  fatto  da una bomba da 500 libbre sganciata da un aereo durante la seconda guerra mondiale e circa 10 anni dopo la fine della guerra.

hiking
sendero isla iguana

Isola Iguana  è stato un obiettivo di pratica per i piloti americani tra il 1941 e il 1952

Aprile 1943… Un bombardiere dell'esercito americano decolla dalla pista di La Candelaria, a circa 20 km a nord di Pedasí. Mentre si avvicina al suo obiettivo, prepara le sue armi... e spara, sganciando diverse bombe e raffiche di mitragliatrici sul suo obiettivo di allenamento: l'isola di Iguana. Questa scena era molto comune durante la seconda guerra mondiale e il decennio successivo. I piloti americani hanno utilizzato diverse isole dei mari panamensi come bersagli per esercitarsi prima di essere inviati nel Pacifico meridionale, in Europa e persino in Corea, eliminando praticamente tutta la vegetazione originaria dell'isola.

II guerra mundial
II world war

Aerei dell'esercito degli Stati Uniti del Nord America utilizzati nelle pratiche di attacco aereo su obiettivi a terra durante la seconda guerra mondiale e il decennio successivo.

Oggi, più di 77 anni dopo, si possono ancora vedere i crateri delle bombe da 500 e 1.000 libbre che furono sganciate sull'isola e rimangono persino bombe inesplose. Molte persone sapevano dell'esistenza di queste bombe. Ci sono anche storie di persone che, sedute su questi, li hanno colpiti con un martello cercando l'oro dentro di loro.

bombas isla iguana
bombs iguana island

Viste aeree del lobo meridionale dell'isola, che ricorda uno scolapasta. Questa è stata la zona più pesantemente bombardata. I più antichi abitanti di Pedasí affermano che era dovuto al fatto che ha dimensioni simili a a  portaerei  della seconda guerra mondiale.

Minsín ci ha spiegato che ha parcellizzato l'isola negli anni '50 e ha raggiunto un accordo con i nordamericani, ha usato il lobo settentrionale e loro si sono esercitati nel lobo meridionale.

bombs isla iguana
bomba de la II guerra mundial

Questi crateri si riempiono d'acqua durante le piogge e sono l'unico residuo di acqua dolce durante la stagione secca, utilizzata dagli animali che abitano l'isola.

Nove bombe sono state fatte esplodere  avanzi

Le bombe inesplose sono rimaste. Molte persone nelle città vicine sapevano dell'esistenza di queste bombe. Persino  noi sentiamo  storie, raccontate dai loro protagonisti, che seduti su di loro, li colpivano con un martello per estrarre oro e altri metalli preziosi che sostenevano contenessero.

bombas isla iguana
bomba coral
Bomba 1
bomba isla iguana
Bomba 2

Palma  attraversato  dai frammenti di Bomba 3.

bombs isla iguana
Bomba 3
vegetation iguana island

Quando abbiamo iniziato il nostro lavoro su Isla Iguana, erano note tre bombe. Uno dei 1.000 libbre incastonati nella barriera corallina e due nel lobo nord. Dopo l'invasione americana di Panama, abbiamo chiesto al ministero degli Esteri di contattare l'esercito americano per ispezionarli e dirci cosa fare. Membri del comando meridionale li fecero esplodere sul posto nel maggio 1990. Nove giorni  dopo  delle esplosioni valutiamo il danno ambientale causato da ciascuna detonazione. È l'unico rapporto sull'impatto ambientale causato dall'esplosione di bombe sull'isola di Iguana. Puoi scaricarlo cliccando il seguente link.

Diaz V., Marco L.  1994. Archivio fotografico de "Las Bombas de Isla Iguana", Pedasí, Provincia di Los Santos, Pacifico di Panama. Fondazione PROMAR e Gruppo di Conservazione Pedasí.  Prima edizione.  14 pag.

Las bombas de isla iguana.png

Ogni bomba trovata viene fatta esplodere sul posto, seguendo rigide misure di sicurezza, da esperti della polizia nazionale panamense. La detonazione di una di queste bombe nel 1990 ha causato un buco nella barriera corallina di 15 m di diametro e 2,8 m di profondità e ha ucciso tutti i coralli e i pesci intorno ad essa in un'area di 900 m2. Più del 90% si è ripreso naturalmente in un periodo di otto anni. Le bombe esplose sull'isola hanno distrutto tutta la vegetazione entro un raggio fino a 50 m. Palme e alberi a centinaia di metri di distanza sono stati trafitti e persino mutilati dalle schegge. Nella zona sono stati trovati resti di iguane, forbicine e altri animali macellati.

bombas isla iguana
Bomba 4
hueco bomba

Foto: Eduardo Moscoso

IMG_0241.JPG
Bomba 7
detonacion bomba
bomb detonation

Foto dell'isola: Analio Melgar. Foto dell'esplosione da El Bajadero: Miguel Batista

playa el cirial isla iguana
Bomba 9_Mesa de trabajo 1.png
bomba detonada

Foto: Analio Melgar

Bibliografia:

Diaz Villani, Marco Lisandro. 2005. Rifugio Faunistico Isla Iguana: Guida sul campo. Illustrazioni di María Gabriella Díaz de Restrepo e Juan Sucre. 2a  Edison. Panama: Post Depot Press. 70 pagine. 593.6 D542.

Diaz V., Marco L.  1994. Archivio fotografico de "Las Bombas de Isla Iguana", Pedasí, Provincia di Los Santos, Pacifico di Panama. Fondazione PROMAR e Gruppo di Conservazione Pedasí.  Prima edizione.  14 pag.

bottom of page