top of page
S0707.jpg

Stazione 6:
studi moderni

Posizione

Fermati al Centro Visitatori per discutere degli studi che hanno generato le informazioni presenti in questo tour e nella mostra.

Le fonti delle informazioni presentate su questo sito

Anno

1971

Peter Glynn, Stewart e McCosker (STRI) hanno effettuato la prima caratterizzazione delle barriere coralline del Pacifico panamense. La loro spedizione ha trascorso alcuni giorni su Isla Iguana e ci hanno lasciato in eredità la prima descrizione della barriera corallina a El Cirial Beach.

1987

Camilo Grandi, biologo e direttore della Fondazione PA.NA.MA, ha condotto un sopralluogo per valutare i progressi nella ricostruzione della vecchia casa di Minsín e Gringa per fungere da Casa del Guardiano del Parco, progetto finanziato dalla fondazione. Marco lo ha accompagnato.  Diaz, biologo marino e oceanografo recentemente laureato e volontario per la fondazione, che si è tuffato per  prima volta sulla barriera corallina  Cirial. subito  si accorse  dell'importanza ecologica e della meraviglia della scogliera e dell'isola. Trovare un singolo oggetto  scientifico  e alcuni opuscoli, decide di avviare studi che contribuiscano alla conoscenza e alla conservazione del sito. Entra a far parte del Pedasí Conservation Group e inizia l'inventario biologico, assistito da Eduardo Moscoso, Pablo Barrios (Toto) e Mario Espino.

camilo grandi

Camilo Grandi con i membri del Pedasí Conservation Group davanti alla casa ristrutturata di Minsín e Gringa.

Grupo Conservacionista de Pedasi

I membri del Pedasí Conservation Group e della Fondazione PA.NA.MA posano accanto al primo cartello sull'isola di Iguana. Struttura  Diaz  porta t-shirt rosso

playita del faro
tijereta

Prime fotografie scattate da Marco  Díaz sull'isola di Iguana, dicembre 1987.

playa el cirial
tamboril

Prima fotografia subacquea scattata da Marco  Díaz sull'isola di Iguana, dicembre 1987.

Struttura  Diaz nella Playita del Faro. L'inventario biologico consisteva nel fotografare e filmare tutto il biota trovato sull'isola, il mare circostante e le coste di Pedasí. Nel 1996 è stata estesa a tutta la costa compresa tra le foci dei fiumi Guararé e Cañas. Cliccando sull'immagine  aprirà  Pagina dell'inventario biologico.

playita del faro

1988

Marco Diaz , Pablo Barrios e Mario Espino hanno delimitato il buco della bomba nella barriera corallina di El Cirial, di fronte al bohío esistente per avviare un monitoraggio della copertura di corallo vivo nella piattaforma corallina esposta all'aria durante la bassa marea e quindi capire come sopravvive il corallo a questo  impatto  naturale.

Pablo Barrios che lega una corda attorno al buco della bomba per delimitare l'area da monitorare.

pablo barrios

1989

Tra il 1989 e il 1992, Marco  Diaz  ha contato i nidi di fregata (Fregata magnificens) facendo gite in barca intorno all'isola e scattando foto con obiettivi ad alta portata dal faro, stimando la popolazione in 5.642 individui (media dei quattro anni). Inoltre sono stati visitati siti vicino alla costa per ottenere foto dettagliate e quantificare i nidi in appezzamenti di 100 mq.

La posizione del faro, su un colle di roccia basaltica, permetteva una veduta aerea di quasi tutta l'isola.

light house isla iguana
aves isla iguana
birds iguana island
faro isla iguana

Viste dei nidi di Earwig scattate con obiettivi a lungo raggio, dal Faro, nel 1990.

bird wathcing isla iguana

Visita uno dei siti di nidificazione. 1990.

bird wathcing iguana island

Scattare foto dal Faro. 1990.

1989

Tra l'agosto 1989 e l'ottobre 1990, Marco  Diaz  ha pubblicato La Fragata, il Bollettino Informativo del Pedasí Conservation Group, che viene emesso con cadenza bimestrale, dove vengono pubblicati lo stato di avanzamento delle indagini, notizie e messaggi. Fu distribuito alla popolazione di Pedasí. Cliccando sull'immagine è possibile scaricare le nove pubblicazioni.

news isla iguana

1989

Il 5 e 6 agosto 1989, il Pedasí Conservation Group ha organizzato il Primo Torneo di Pesca a Pedasí, il cui obiettivo era  alimentare  l'inventario biologico con le specie di importanza della pesca commerciale e sportiva e le loro modalità di pesca. 

Da allora, a Pedasí si tengono tornei di pesca annuali organizzati da aziende e residenti.

fishing isla iguana

1990

Nel 1990, il dottor Héctor Guzmán, R. Ross Robertson e Marco Díaz hanno pubblicato una descrizione dettagliata della barriera corallina di El Cirial, utilizzando come base la nave "Benjamín" dello Smithsonian Tropical Research Institute (STRI). La spedizione è durata sei giorni per mappare la barriera corallina, inventariare le specie di corallo e il biota associato, stimare la copertura di coralli vivi e le popolazioni di bioeroder e quantificare l'età e lo spessore della barriera corallina e delle colonie di coralli massicci più grandi. Prima e dopo la spedizione, sono state effettuate diverse visite per completare il lavoro sul campo.

coral isla iguana

I subacquei STRI estraggono campioni dalla base della barriera corallina di El Cirial per analizzarli con il carbonio 14 e quindi stimarne l'età.

coral
transepto isla iguana
stri isla iguana

Il subacqueo STRI esegue un transetto di copertura in corallo vivo e sale a bordo della Benjamin al termine di una giornata di lavoro. 1990.

buceo isla iguana
diving isla iguana

Tutti i lavori sono stati registrati con fotografie e video.

coral sembrado

1991

Nel 1991, subacquei volontari hanno ripopolato un ettaro di corallo sull'isola Iguana, che era stata completamente uccisa dall'El Niño del 1982, nell'ambito di un massiccio esperimento di ripopolamento in corso a Panama (isola dell'Iguana e arcipelago di Las Perlas), Colombia e Costa Deliziosa. Diretti dal Dr. Héctor Guzmán, per più di 147 ore sott'acqua, i subacquei hanno inchiodato al fondo delle piccole aste di metallo e hanno legato ad esse, con un filo, più di 1.000 frammenti di corallo, delle dimensioni di un dito, provenienti da luoghi dove si ancorano è caduto. Inoltre, più di 7.000 frammenti vivi furono sparsi sulla barriera corallina, che aderì al fondo e crebbe, formando nuove colonie. Negli anni successivi sono state valutate le variazioni nella copertura live del fondo, che sono aumentate in modo significativo nel medio periodo. Inoltre, sono stati prelevati campioni genetici dalle varie specie utilizzate. L'esperimento fu un successo e il Dr. Guzmán ricevette, nel 1994, l'International Rolex Award. Fino al 2006 è stata conservata una documentazione fotografica del progetto, scattando annualmente fotografie e video delle colonie e degli appezzamenti ripopolati, quando le colonie si sono riunite e ora formano una copertura corallina completa.

repoblar coral
coral repopulation

I subacquei volontari guidano le canne nel fondo di ghiaia di corallo morto e vi legano un frammento di corallo.

siembra coral

Ormeggio subacqueo volontario con  filo  un frammento di corallo alle aste inchiodate al fondo.

coral restoration

Sommozzatore volontario che diffonde frammenti di corallo vivo sul fondo.

pocillopora

coralli  legato al  alle canne, qualche anno dopo.

repoblacion coral

Sono state utilizzate quasi una tonnellata di canne lunghe 30 cm.

gardineroseris
repoblacion de coral

coralli  legato al  alle canne, qualche anno dopo.

Millenovecentonovantacinque

Il Dr. Juan Maté (STRI) ha condotto studi genetici sui coralli e sugli effetti delle temperature sui coralli.

monitoreo coral

2001

Tra il 2000 e il 2014, il dottor Héctor Guzmán ha mantenuto un programma di monitoraggio della barriera corallina con termometri sommersi come parte del monitoraggio delle barriere coralline di Panama. Due volte l'anno ha visitato l'isola per svolgere  coprire dal vivo i transetti e modificare gli strumenti fissi sul fondo che raccoglievano dati su temperatura, salinità e altri parametri.

coral monitoring

Il dottor Guzmán, i suoi assistenti e l'equipaggio della nave da ricerca  Urraca, dello STRI in uno dei suoi tour di monitoraggio sull'isola di Iguana. 14 novembre 2000.

2003

Tra il 2003 e il 2007, Marco  Díaz ha completato la mappa di Isla Iguana, che ha iniziato nel 1990 con l'analisi di ortofoto aeree del 1981 e 2005, fotografie aeree scattate nel 1990 e 2003,  nuove immagini satellitari da Google Earth e oltre 6.000 ore uomo subacquee da 14 volontari che hanno assistito sul campo per mappare i tipi di fondali marini e produrre batimetrie dettagliate intorno all'isola . Continuiamo a lavorare; Resta da mappare El Jorón, la piattaforma sottomarina a nord dell'isola che si estende per circa 2 km in mare aperto.

Premendo una qualsiasi foto si aprirà la mappa aggiornata.

buceo iguana
scuba iguana
mapa isla iguana
diving iguana

Foto orto-aerea del 1981. Tommy Guardia National Geographic Institute.

Sommozzatore volontario accanto a una delle colonne basaltiche sommerse a est dell'isola, durante una delle immersioni di ricerca.

I subacquei volontari si preparano per una delle immersioni di  ricerca  sull'isola dell'Iguana.

2006

Dal 2006 José Julio Casas ha studiato i cetacei che  abita le acque di Pedasí e ha contribuito a regolamentare l'avvistamento a livello nazionale.

Bibliografia:

Glynn, PW, Stewart, RH e McCosker, JE 1972. Barriere coralline del Pacifico di Panama: struttura, distribuzione e predatori. Sono. Geo. Rund. Banda 61: 483-519.

Glynn, Peter e Juan Mate. 1996. Guida sul campo alle barriere coralline del Pacifico di Panama. 8° Simposio Internazionale sulla Barriera Corallina. Panama. 24-29 giugno 1996.

Guzman, HM, Robertson, DR e Diaz, ML  1991.  Distribuzione e abbondanza di coralli nella barriera corallina dell'Isla Iguana Wildlife Refuge, Panama Pacific.  Rev. Biol. Trop., 39(2): 225-231.

Guzmán, Héctor M. e Jorge Cortés. 1993. Barriere coralline del Pacifico tropicale orientale: rassegna e prospettive. Rev. Biol. Trop. 41(3): 535-557.

Maté, Juan L. 2003. Coralli e barriere coralline della costa pacifica di Panama. In: Barriere coralline dell'America Latina. Ed. JC Cortes. Pagine 387-417.

bottom of page