top of page
P24-Playa normas 6x2.jpg

Stazione 5:
Spiaggia El Cirial

Posizione

Dal Centro Visitatori si contempla la spiaggia di El Cirial e la sua barriera corallina. Questo è un buon posto per una foto di gruppo.

visitas isla iguana
playa el cirial

Aree costiere e i loro abitanti

La costa è divisa in tre zone. La ZONA LITORALE O INTER MAREA si estende tra i limiti dell'alta e della bassa marea; la ZONA SUB LITORALE è sempre sommersa; e la ZONA SUPRA LITORALE inizia alla linea di alta marea. Ogni zona è abitata da organismi diversi.

Nella parte inferiore della spiaggia, lontano dal bohío, è comune trovarlo  Vermi policheti . Vivono in tubi fatti con la loro saliva, sabbia e conchiglie. Durante l'alta marea esibiscono piume con cui filtrano il plancton per nutrirsi.

poliquetos
Cangrejo fantasma

I granchi fantasma sono del colore della sabbia e sono molto veloci, il che li rende difficili da vedere. Si nutrono di alghe che estraggono dalla sabbia, creando  pellet che decorano la spiaggia, formando disegni stravaganti.

gost crab
tides isla iguana
Cangrejo hermitaño

I granchi  Gli eremiti o Kikirikakiri si nutrono di carogne e di tutto ciò che trovano sulla spiaggia. Usano le conchiglie generate dai molluschi e man mano che crescono devono cambiare conchiglia.

Con la luna nuova di marzo, si osserva una massiccia migrazione verso la riva per deporre le uova.

A differenza degli adulti, le loro larve possono respirare sott'acqua e integrarsi con il plancton. I sopravvissuti tornano sulle spiagge. Questo permette loro di colonizzare luoghi lontani con l'essere  trasportato  dalle correnti oceaniche come parte del plancton.

Concholi

Il Concholi è molto  comune  su spiagge, palmeti e alberi da frutto, dove cercano cibo come carogne, frutta e noci di cocco, si arrampicano persino su alberi e palme.

cangrejo isla iguana

Le sabbie bianche di Isla Iguana sono il prodotto dell'erosione dei coralli con vari metodi.

1. Animali che si nutrono di corallo, noti come bio-erosore.

Tamburi e pesci trigger ingeriscono ed evacuano interi frammenti di candele ( Pocillopora spp.)

Arothron meleagris

Arothron meleagris.  

Sopra: La sua fase dipinta è chiamata Tamboril Tigre.

Sotto: La sua fase gialla è chiamata Pez Guineo.

tamboril
pez gatillo

Il pesce balestra blu ( Pseudobalistes  naufragium ) vive alla base della barriera corallina dove fa nidi meravigliosamente modellati nella sabbia.

Il suo nome "Trigger" è il prodotto di una pronunciata spina dorsale alla base della testa che si dispiega per evitare di essere inghiottito da un predatore, rimanendo incastrato in gola.

I pesci pappagallo raschiano enormi colonie di coralli per digerire il polipo ed evacuare la sabbia corallina.

pez loro

Il pappagallo bicolore ( Scarus rubroviolaceous ) abita le acque profonde delle comunità coralline.

parrot fish
pes coralivoro

Pappagallo Barbablù ( Scarus ghobban ).

Sopra: fase blu.

In basso: fase rigata.

coral pizza

Fungo poroso comune ( Porites  lobata ) esibendo graffi fatti da pesci pappagallo.

2. Animali che si nutrono di alghe e  Raschiano la superficie del corallo.

I ricci di mare si nutrono di alghe, raschiando la superficie del corallo, creando sabbia e mantenendo la superficie pulita per facilitare l'attaccamento e la crescita delle larve di corallo. 

Erizo

Il riccio nero (fascia per capelli  mexicanum) è il più comune sull'isola di Iguana. Produce punture molto dolorose che possono essere infettate perché le spine si frammentano all'interno della pelle.

sea urchin

Il riccio arancione ( Lytechinius panamensis )  È una specie rara che produce punture pericolose perché la sua tossina è molto forte e  potrei  uccidere una persona  allergico .

equinodermo

L'Elegant Hedgehog si decora con frammenti di alghe, conchiglie e coralli per evitare i predatori.

I pesci chirurgo frequentano la barriera corallina in grandi banchi per nutrirsi di alghe attaccate al corallo, mantenendo pulita la superficie ed evacuando la sabbia corallina.

Il suo nome "Chirurgo" è il prodotto di una spina dorsale su entrambi i lati della base della sua pinna caudale che è affilata come un bisturi e si apre per difendersi dai predatori.

peces isla iguana
surgeon fish

Il chirurgo condannato ( Acanthurus  triastegus ) frequenta la laguna di scogliera in grandi banchi e i più facili da vedere  insieme  alla spiaggia di El Cirial.

pez cirujano
peces isla iguana

Il pesce chirurgo blu ( Acanthurus xanthopterus ) preferisce le acque più profonde e si trova lungo il pendio in tutti i siti di immersione.

Sopra: varietà blu.

In basso: varietà nera.

Le Damigelle difendono le loro culture di alghe sul corallo come bestie, anche da pesci più grandi di loro. Durante l'alimentazione, raschiano la superficie creando sabbia.

Damisela

Damigella Indaco ( Stegastes acapulcoensis )

damesel fish
pez isla iguana

Damigella d'oro blu ( Stegastes flavilatus ). Sopra: giovanile. In basso: adulto che tiene d'occhio la sua coltura di alghe.

jaqueta gigante
castañuela gigante

Il Castanet Gigante ( Microspathodon dorsalis ) è il più grande dei Damselfish. Sopra: giovanile. In basso: adulto.

3. Il  Frammenti di corallo che si staccano dalla scogliera dalle onde e soprattutto dai maremoti, si accumulano sulla costa e rotolano per l'azione delle onde fino a polverizzarli.

Le osservazioni storiche ci permettono di affermare che i forti eventi climatici, che generano  larga  le onde, dovute al maltempo o alle maree di fondo, che hanno origine al centro dell'Oceano Pacifico, distruggono sezioni delle comunità di coralli che circondano l'isola, generando milioni di frammenti che vengono scagliati a terra dalle forti onde.

La figura seguente mostra al centro una foto aerea dell'isola del 2003,  Si noti che nei luoghi indicati dai numeri, dove la costa era rocciosa, dopo le basse maree del 2016, si sono generate spiagge di ghiaia corallina. Non sono ancora sabbia, sono frammenti di corallo strappati dal fondo dalle onde. 

grava coral
playas isla iguana

Bibliografia:

Diaz Villani, Marco Lisandro. 2005. Rifugio Faunistico Isla Iguana: Guida sul campo. Illustrazioni di María Gabriella Díaz de Restrepo e Juan Sucre. 2a  Edison. Panama: Post Depot Press. 70 pagine. 593.6 D542.

bottom of page